Contributo unificato

Il Dipartimento per gli Affari di Giustizia, Direzione Generale della Giustizia Civile, del Ministero della Giustizia, in data 1°aprile 2016, ha emanato una circolare per la determinazione del contributo unificato nelle procedure concorsuali.
La suddetta circolare si è resa necessaria in quanto la normativa in materia di C.U. non è esaustiva per quanto attiene all’ammontare del contributo da versare nelle diverse fasi della procedura concorsuale: infatti, osserva il Ministero, il D.P.R. n. 115/2002, dopo aver previsto in termini generali, all’art. 9, l’obbligo di versamento del contributo unificato per “la procedura concorsuale”, ha, al successivoart. 13, comma 5, indicato l’ammontare del contributo unificato dovuto unicamente “per la procedura fallimentare”, all’uopo definita quale quella che va “dalla sentenza dichiarativa di fallimento alla chiusura”.
Di conseguenza rimangono fuori dalla suddetta previsione la fase istruttoria prefallimentare, la procedura di opposizione allo stato passivo fallimentare e tutte le fasi giudiziali delle altre procedure concorsuali.
Questo “vuoto” normativo ha ingenerato incertezza e ha fatto sì che, nella prassi operativa degli uffici giudiziari, siano state adottateinterpretazioni diverse in merito alla disciplina cui sottoporre tali ultime ipotesi.
Quindi, al fine di uniformare il comportamento degli uffici giudiziari al riguardo, questi dovranno attenersi, nella determinazione del contributo unificato nelle fasi di natura giurisdizionale delle procedure concorsuali diverse da quella fallimentare, come pure nelle fasicd. endoprocessuali in cui si articola la procedura fallimentare, ai seguenti criteri:
A) per la procedura fallimentare, ovverosia per “la procedura dalla sentenza dichiarativa di fallimento alla chiusura”, dovrà essere versato il contributo fisso di euro 851,00 (art. 13, comma 5, delD.P.R. n. 115 del 2002);
B) per le fasi di natura giurisdizionale delle altre procedure concorsuali, come pure per le fasi “endoprocessuali” della procedura fallimentare non ricomprese nel campo di applicazione del citato art. 13, comma 5, dovrà farsi riferimento alla dichiarazione di valoreresa dall’avvocato ai sensi dell’art. 14 D.P.R. n. 115 del 2002 al momento dell’individuazione del giudice competente a decidere sulla domanda proposta e del tipo di procedura azionata.

 

 

TABELLE PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO UNIFICATO

Il contributo unificato è una sorta di tassa da pagare allo Stato ogni qual volta si intenda intraprendere una controversia di natura giuridica civile, amministrativa o tributaria. Esso va versato al momento dell’iscrizione a ruolo della causa, secondo gli importi indicati nel D.P.R. n. 115/2002 e successive modifiche, di cui al D.L. n. 78/2010 e al D.L. n. 90/2014.

PROCEDIMENTI ORDINARI

VALORE

PRIMO GRADO

APPELLO

CASSAZIONE

Fino a 1.100,00 euro

€ 43,00

€ 64,50

€ 86,00

Da 1.100,01 a 5.200,00 euro

€ 98,00

€ 147,00

€ 196,00

Da 5.200,01 a 26.000,00 euro

€ 237,00

€ 355,00

€ 474,00

Da 26.000,01 a 52.000,00 euro

€ 518,00

€ 777,00

€ 1.036,00

Da 52.000,01 a 260.000,00 euro

€ 759,00

€ 1.138,50

€ 1.518,00

Da 260.000,01 a 520.000,00 euro

€ 1.214,00

€ 1.821,00

€ 2.428.00

Da 520.000,01 e oltre

€ 1.686,00

€ 2.529,00

€ 3.372,00

Valore indeterminabile – Giudice di Pace

€ 237,00

€ 355,00

€ 474,00

Valore indeterminabile – Tribunale

€ 518,00

€ 777,00

€ 1.036,00

Omessa dichiarazione (Valore presunto pari o superiore ad
euro 520.000,00)

€ 1.686,00

€ 2.529,00

€ 3.372,00

PROCEDURE FALLIMENTARI

Istanza di fallimento

€ 98,00

Insinuazione al passivo

Esente

Intera procedura fallimentare

€ 851,00

Opposizione alla sentenza dichiarativa di fallimento

50% del contributo secondo lo scaglione di valore

PROCEDURE ESECUTIVE

Esecuzioni immobiliari

€ 278,00

1

Esecuzioni mobiliari fino a 2.500,00 euro

€ 43,00

Esecuzioni mobiliari di valore superiore a 2.500,00 euro

€ 139,00

Altri procedimenti esecutivi

€ 139,00

Procedimenti di opposizione agli atti esecutivi

€ 168,00

Procedimenti esecutivi per consegna o rilascio

€ 139,00

Istanza ricerca telematica dei beni da pignorare ex art. 492 bis c.p.c.

€ 43,00

PROCEDIMENTI CIVILI SPECIALI

Procedimenti speciali sommari: cautelari, d’ingiunzione, sequestro, denuncia opera nuova, danno temuto, sfratto, istruzione preventiva, provvedimenti d’urgenza, procedimenti possessori, procedimenti sommari di cognizione, procedimento sommario ex art. 702 bis c.p.c.

50% del contributo ordinario secondo lo scaglione di valore

PROCEDIMENTI IN MATERIA DI FAMIGLIA

Separazione consensuale dei coniugi

€ 43,00

Separazione giudiziale dei coniugi

€ 98,00

Divorzio – ricorso congiunto

€ 43,00

Divorzio – procedimento contenzioso

€ 98,00

Negoziazione assistita

Esente

Volontaria giurisdizione

€ 98,00

CONTROVERSIE DI LAVORO

PRIMO GRADO

APPELLO

Controversie di previdenza e assistenza obbligatorie

€ 43,00

€ 83,00

Controversie individuali di lavoro o attinenti a rapporti di pubblico impiego

50% del contributo ordinario secondo lo scaglione di valore

VALORE

Fino a 1.100,00 euro

€ 21,50

€ 43,00

Da 1.100,01 a 5.200,00 euro

€ 49,00

€ 98,00

Da 5.200,01 a 26.000,00 euro

€ 118,50

€ 237,00

Da 26.000,01 a 52.000,00 euro

€ 259,00

€ 518,00

Da 52.000,01 a 260.000,00 euro

€ 379,50

€ 759,00

Da 260.000,01 a 520.000,00

€ 607,00

€ 1.214,00

2

euro

Da 520.000,01 e oltre

€ 843,00

€ 1.686,00

Valore indeterminabile

€ 259,00

€ 518,00

Nelle controversie di previdenza ed assistenza obbligatorie nonché in quelle individuali di lavoro o concernenti rapporti di pubblico impiego, se le parti sono titolari di un reddito imponibile al di sotto della soglia di euro 34.107,72, i suddetti procedimenti sono esenti dal contributo unificato.

PROCEDIMENTI CIVILI ESENTI

Procedure di Lavoro se si hanno i requisiti di cui all’art. 9 comma 1 bis del TU 115/02 (sotto la soglia di reddito di euro 34.107,72)

Esecuzione mobiliare o immobiliare su sentenze o ordinanze emesse nei giudizi di lavoro

Procedimenti concernenti la prole ed il relativo mantenimento

Procedimenti di cui all’art. 3 della Legge Pinto (L.89/2001)

Procedimenti in materia di interdizione, inabilitazione ed amministrazione di sostegno

Procedimenti in materia di assenza e dichiarazione di morte presunta

Procedimenti in materia di minori, interdetti ed inabilitati

Procedimenti in materia di rapporti patrimoniali tra i coniugi

Processo di rettificazione di stato civile

Processi in materia tavolare

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

PRIMO GRADO

APPELLO

Ricorsi al Tar ed al Consiglio di Stato

€ 650,00

€ 975,00

Ricorsi in materia di accesso ai documenti amministrativi; ricorsi contro il silenzio della p.a.

€ 300,00

€ 450,00

Ricorsi di esecuzione della sentenza o ottemperanza del giudicato

€ 300,00

€ 450,00

Ricorsi diritti di cittadinanza, residenza, soggiorno, ingresso nel territorio dello Stato

€ 300,00

€ 450,00

Ricorsi ex art. 25 L. 241/1990 avverso il diniego di accesso alle informazioni di cui al d.lgs. 195/05

Non dovuto

Ricorsi con rito abbreviato comune ex Libro IV, Titolo V, D.lgs 104/2010

€ 1.800,00

€ 2.700,00

Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica

€ 650,00

Ricorsi ex art. 119, comma 1,

3

lettere a) e b), D.lgs. 104/2010

VALORE

Fino a 200.000,00 euro

€ 2.000,00

€ 3.000,00

Da 200.000,00 a 1.000.000,00 euro

€ 4.000,00

€ 6.000,00

Oltre 1.000.000,00 euro

€ 6.000,00

€ 9.000,00

PROCEDIMENTI DINNANZI ALLE COMMISSIONI TRIBUTARIE PROVINCIALI E REGIONALI

Fino a € 2.582,28

€ 30,00

Da 1.100,01 a 5.000,00 euro

€ 60,00

Da 5.000,01 a 25.000,00 euro

€ 120,00

Da 25.000,01 a 75.000,00 euro

€ 250,00

Da 75.000,01 a 200.000,00 euro

€ 500,00

Valore superiore a 200.000 euro

€ 1.500,00

Contributo unificato

quanto si paga nell'opposizione a D.I. con domanda riconvenzionale.

Chiarimenti del Ministero della Giustizia sulla riscossione del contributo unificato in presenza di domanda riconvenzionale.
Il Ministero in data 10/11/2015 ha emanato una circolare che contiene alcuni chiarimenti in materia di importo del contributo unificatonel giudizio di opposizione al decreto ingiuntivo, quando viene formulata contestualmente domanda riconvenzionale.
Tali chiarimenti si sono resi necessari in quanto si sono registrate prassi difformi nei vari uffici giudiziari.
Com’è noto, l’art. 13 comma 3 del DPR 115/2002 prevede che il contributo e’ ridotto alla meta’ per i processi speciali previsti nel libro IV, titolo I del codice di procedura civile,compreso il giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo….”, mentre il successivo art. 14 dispone che : La parte che per prima si costituisce in giudizio, che deposita il ricorso introduttivo, ovvero che, nei processi esecutivi di espropriazione forzata, fa istanza per l’assegnazione o la vendita dei beni pignorati, e’ tenuta al pagamento contestuale del contributo unificato…… La parte di cui al comma 1, quando modifica la domanda o propone domanda riconvenzionale o formula chiamata in causa, cui consegue l’aumento del valore della causa, e’ tenuta a farne espressa dichiarazione e a procedere al contestuale pagamento integrativo…”.
Alla luce delle suddette disposizioni, si legge nella circolare, introdotto il giudizio di opposizione a D.I., la parte che si costituisce per prima (di solito l’opponente) è tenuta a pagare il C.U. in misura dimezzata rispetto all’importo previsto dalla legge per lo scaglione di valore di riferimento, ex art. 13 comma 3.
A questo punto, la circolare esamina la particolare ipotesi, in cui la parte che propone opposizione a D.I. formula anche domanda riconvenzionale e chiarisce quale sia l’importo del C.U. che l’ opponente deve versare; al riguardo si possono verificare due ipotesi:
A) Opposizione a D.I. con domanda riconvenzionale che non comporta aumento del valore della causa: in questo caso la parte opponente “è tenuta a versare un C.U. di importo corrispondente a quello dovuto per la proposizione del giudizio di opposizione nella misura ridotta ex art. 13 comma 3 DRP 115/2002,” ossia un C.U. ridotto della metà.
Es: D.I. per euro 5.000, il contributo unificato che deve versare l’opponente è di € 49,00 (98,00:2); anche in caso di opposizione con domanda riconvenzionale (es. € 2.000), l’importo non cambia, rimane quello ridotto della metà, ossia € 49,00.
B ) Opposizione a D.I. con domanda riconvenzionale che comporta aumento del valore della causa (es: D.I. per 5.000 e riconvenzionale per € 10.000, quindi scaglione superiore).
In questo caso, nella circolare si legge che parte opponente “deve versare un C.U. corrispondente a quello dovuto per la proposizione della domanda riconvenzionale; in questo caso il pagamento del C.U. è da imputarsi in parte alla proposizione dell’opposizione a D.I. (fino alla concorrenza dell’importo a tale titolo dovuto ex art. 13 comma 3), in parte alla proposizione della domanda riconvenzionale (a titolo di pagamento integrativo, ex art. 14 comma 3)”.
Es: D.I. per 5.000 e domanda riconvenzionale di € 10.000: il contributo unificato è di € 237,00, che l’opponente deve pagare per intero e si imputerà, quanto ad euro 49,00 all’opposizione, e, quanto al residuo, al contributo “integrativo”.
Infine, la circolare contiene una precisazione importante: al fine di determinare il valore della causa, rilevante per la quantificazione del C.U., bisogna fare riferimento a quello maggiore tra l’importo liquidato in sede monitoria e quello richiesto in via riconvenzionale in sede di opposizione: in nessun caso si possono sommare tra di loro i due valori.

 Errore nel deposito telematico: quando è ammessa la rimessione in termini?
La difesa del resistente fa istanza per rimessione in termini deducendo che:
⦁ in data 28 aprile effettuava il deposito telematico della memoria di costituzione e quasi contestualmente riceveva i primi due messaggi di PEC (accettazione: deposito e consegna: deposito);
⦁ dopo oltre mezz’ora il difensore riceveva il terzo messaggio di PEC (esito controlli automatici) che conteneva la segnalazione della presenza di un “errore imprevisto” e della necessità di ulteriori verifiche da parte dell’ufficio ricevente;
⦁ solo in data 9 maggio, quindi 11 giorni dopo, la cancelleria comunicava il rifiuto del deposito a causa della presenza di un errore fatale connesso alle caratteristiche di uno dei documenti inseriti nella busta telematica allegata alla PEC;
Il Tribunale di Milano, nella persona del Giudice dott.ssa Cassia, accoglie l’istanza di rimessione, nonostante l’opposizione del ricorrente, motivando nei seguenti termini:
1) la cancelleria procede all’accettazione del deposito telematico, una volta che il sistema abbia esperito i controlli automatici preliminari; l’accettazione costituisce l’adempimento indispensabile affinchè il deposito telematico entri nel fascicolo informatico e sia pertanto accessibile e conoscibile alla controparte ed al giudice;
2) tendenzialmente, l’accettazione dei depositi dovrebbe avvenire entro il giorno lavorativo successivo al deposito (considerandosi il sabato giorno festivo) e seguendo comunque l’ordine cronologico di consegna delle buste telematiche;
3) il Ministero della Giustizia, con propria circolare del 23.10.2015, ha dato istruzione alle cancellerie di accettare sempre il deposito in presenza di anomalie, bloccanti e non bloccanti (cioè di tipo WARNING ed ERROR), segnalando al giudicante le informazioni circa l’anomalia riscontrata;
4) in caso di errore non gestibile (FATAL) la cancelleria deve rifiutare l’accettazione, anche per evitare che il deposito rimanga in attesa di accettazione, tenuto conto che l’errore “fatale” non impedisce un nuovo deposito entro i termini assegnati o di legge;
5) nel caso in esame, il gestore, nel segnalare l’errore, ha informato il mittente circa la necessità di “verifiche da parte dell’ufficio ricevente”, con ciò giustificando l’aspettativa circa l’accettazione del deposito (verifiche intervenute successivamente alla scadenza del termine per il deposito);
6) peraltro non può ritenersi esigibile che il legale, ricevuto l’avviso di avvenuta consegna del messaggio PEC in epoca idonea a considerare il deposito tempestivamente eseguito, in difetto di esplicita segnalazione di errore fatale (implicante in quanto tale l’impossibilità del rifiuto dell’accettazione da parte di cancelleria) e/o di esplicito rifiuto dell’accettazione, provveda ad nuovo depositonel termine perentorio normativamente previsto, oppure si attivi per ottenere informazioni sull’errore e sull’esito del deposito, confidando pertanto nell’accettazione del deposito da parte della cancelleria.
7) se la cancelleria avesse provveduto al rifiuto del deposito nei termini previsti dalla Circolare Ministero Giustizia 23.10.2015, parte ricorrente avrebbe potuto effettuare un nuovo deposito nei termini perentori fissati per la costituzione in giudizio.

Finite le vacanze dissidi nella coppia? …

Finite le vacanze dissidi nella coppia?
Puoi chiedere un parere allo Studio Legale Fontanella
Via Milano 17 Afragola 2 piano.
Aperto il martedì e giovedì dalle 17 alle 20, a partire dal 3 settembre.
Per comunicazioni urgenti
3356681491
fontanellaavvnicola@libero.it

Leggere di più


0 Commenti1 Minuto

Cassazione

Cassazione: la gelosia ossessiva è reato.

Configura il reato di maltrattamenti, controllare ossessivamente la vita intima e sociale della compagna, denigrandola e mostrando disprezzo davanti alle figlie
Con la sentenza n. 32781/2019 la Cassazione ha affrontato la situazione affettiva quando ci sono atteggiamenti abitualmente tollerati come normali, perché appartenenti all'uomo medio e considerati come scriminanti del reato di maltrattamenti.
I giudici della Suprema Corte hanno accolto la tesi del PM ricorrente, per il quale il Tribunale ha errato nell'assolvere l'imputato dal reato di cui all'art 572 c.p solo perché le sue condotte sarebbero da ricondurre alla normale gelosia caratterizzante la vita di coppia. Quando la gelosia si traduce in comportamenti controllanti lesivi della vita intima e sociale della compagna non si può trascurare il carico di violenza e offensività insite in tali condotte, che denotano un chiaro intento prevaricatorio, che mira all'assoggettamento della persona offesa e che è tipico proprio del reato di maltrattamenti.

Erra il giudice di merito nel momento in cui riconduce a semplice gelosia tipica di un rapporto sentimentale le azioni dell'imputato. Telefonate, messaggi, chiamate video per verificare dove e con chi si trovasse la compagna, minacce di morte indirizzate alla stessa e all'amante immaginato dall'imputato, sono condotte ingiustificabili, anche se collocate temporalmente in un periodo di crisi della coppia. Questi comportamenti hanno caratterizzato e influenzato l'intera vita famigliare a causa del coinvolgimento delle figlie, spettatrici involontarie delle offese rivolte alla madre.
"Anche comportamenti fisicamente non violenti, che si arrestano alla soglia della minaccia, raggiungono la soglia della rilevanza penale ai fini del reato di cui all'art. 572 c.p, quando si collochino in una più ampia e unitaria condotta abituale idonea ad imporre alla vittima un regime di vita vessatorio, mortificante e insostenibile. E' dunque essenziale, ai fini della ricostruzione del reato di maltrattamenti di cui all'art 572 cod. pen., l'accertamento della abitualità e ripetitività della condotta lungo un ambito temporale rilevante senza che la valutazione di offensività possa arrestarsi a fronte di condotte che non culminino in veri e propri atti di aggressione fisica".
Il giudizio del Tribunale è assolutamente superficiale, perché non tiene conto della tensione e della violenza accumulata "che denota la carica criminogena dell'agente per l'ineludibile riflesso che tale carico produce nella vita della vittima" e la vessatorietà tipica del reato di maltrattamenti. I comportati improntati al controllo della vita sociale e intima della donna non perdono la loro offensività e la carica vessatoria per il sentimento di gelosia provato dall'imputato. Essi denotano infatti un chiaro intento offensivo e prevaricatore perché gravemente lesivi della privacy della persona, che caratterizza il reato di maltrattamenti.

Leggere di più


0 Commenti1 Minuto

Per la guida in stato di ebbrezza, quaranta …

Per la guida in stato di ebbrezza, quaranta minuti tra incidente ed etilometro: il tempo non può salvare l’automobilista
Confermata la condanna per guida in stato di ebbrezza, con pena fissata in un anno di arresto e 4mila euro di multa. Irrilevante, osservano i Giudici, il fatto che sia trascorso diverso tempo tra l’atto di guida e il controllo del tasso alcolemico.

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 36183/19; depositata il 19 agosto)

Leggere di più


0 Commenti1 Minuto

Tutor di nuovo attivi sulle autostrade…

Tutor di nuovo attivi sulle autostrade...

Leggere di più


0 Commenti1 Minuti

Lo Studio Legale Fontanella augura a tutta la sua …

Lo Studio Legale Fontanella augura a tutta la sua spettabile clientela un sereno giorno di Ferragosto

Leggere di più


0 Commenti1 Minuto

Rinuncia all’eredità per debiti

Rinuncia all'eredità per debiti

Leggere di più


0 Commenti1 Minuti

L’ obbligo di esibire patente e libretto, vale …

L' obbligo di esibire patente e libretto, vale ancora?

Leggere di più


0 Commenti1 Minuti

A beneficio dei nostri clienti chiariamo i …

A beneficio dei nostri clienti chiariamo i requisiti per ottenere il reddito di cittadinanza...

Leggere di più


0 Commenti1 Minuto

Saranno ampliati i poteri dell’avvocato…

Saranno ampliati i poteri dell'avvocato...

Leggere di più


0 Commenti1 Minuti

Attenti alla sosta selvaggia sulle aree per …

Attenti alla sosta selvaggia sulle aree per disabili...

Leggere di più


0 Commenti1 Minuti